Cena in vigna: una bucolica food experience

È una grigia giornata invernale, siete bloccati nel traffico diretti a lavoro. Fuori piove e nonostante sia molto presto lo stress ha già preso pienamente possesso di voi.

Ora chiudete gli occhi e immaginate una distesa di prato verde ed un cielo pieno di stelle sopra la vostra testa.

Siete seduti a un lungo tavolo allestito in modo essenziale ma chic, avete davanti una pietanza tradizionale e gustosa e udite solo il rumore della natura come sottofondo al chiacchiericcio degli altri ospiti.

Se alzate gli occhi vedete dei fili di piccole luci calde, intrecciate a filari dai quali pendono graziosi e maturi grappoli d’uva.

Finalmente potete respirare e assaporate un momento di pura e semplice felicità.

Non si tratta solo di un sogno, ma di una delle numerose possibilità che un territorio variegato e fantasioso come quello della nostra penisola è in grado di offrire ai suoi abitanti e visitatori.

Prenotare una cena in vigna è divenuta nell’ultimo periodo una piacevole tendenza per tutti coloro che per qualche ora desiderano realmente staccare la spina, immergendosi in un contesto bucolico in grado di allontanare tensioni e incombenze lavorative e familiari, lasciando il posto al risveglio dei sensi e ad un senso di beatitudine mai provato in precedenza.

Ovunque vi troviate, da nord a sud, sono molte le aziende agricole che hanno deciso di sponsorizzare i propri prodotti permettendo agli amanti del gusto di assaporarli direttamente sul posto, vivendo un’esperienza intima e interiore che possa risvegliare tutte le sensazioni sopite dal trambusto della vita cittadina.

Scegliere di dedicare qualche ora al piacere della propria famiglia o di sé stessi non ha prezzo e vi tornerà in mente nei momenti di maggiore difficoltà strappandovi un nostalgico sorriso.

Cenare sotto le stelle

La cena in vigna è un’esperienza che va quindi al di là della semplice uscita, in quanto consente di riscoprire tutta una dimensione di convivialità che l’individualismo della vita moderna cerca ormai di eliminare del tutto.

È infatti possibile partecipare con parenti e amici, ma sul posto le immense tavolate poste a diretto contatto con i filari d’uva permettono di intrattenersi con persone fino a quel momento sconosciute, con le quali si finirà per condividere un momento di riflessione in un’esistenza basata sulla corsa verso la meta.

Scegliere una situazione di questo genere significa  fermarsi a riflettere, cogliendo la propria essenza e potendo liberamente lasciare fluire i propri sentimenti senza vincoli o barriere di nessun genere.

Per alcuni sarà l’occasione di stringere i rapporti con le persone amate, incentivati dal clima accogliente e intimo che solo una location del genere è in grado di creare, per altri un modo di analizzare il proprio percorso e, perché no, correggere il tiro se si sta andando dalla direzione sbagliata.

La nostra routine, infatti, dovrebbe essere più spesso intervallata da attimi significativi e ricchi di sostanza come quello di una cena bucolica, piuttosto che dalla frenesia di apparire in locali trendy e all’ultima moda.

Le esperienze organizzate dalle maggiori aziende agricole italiane sono improntate anche sulla componente estetica, realizzando con attenzione un ambiente country chic che è un vero piacere anche per la vista.

Amerete accomodarvi su suggestive balle di fieno, percepirne l’odore, toccare le spighe di grano che ornano un tavolo ricco di materie prime a km 0 e ovviamente ottimi vini provenienti proprio dalle piante al di sopra della vostra testa.

Ogni impresa familiare darà il proprio tocco allo spazio circostante, scegliendo però sempre toni neutri per favorire il tanto agognato relax e promuovendo la convivialità con una buona musica di sottofondo, che si placa in alcuni momenti per dare la possibilità alla natura circostante di far sentire la propria voce.

Si tratta di un’esperienza sublime per tutte quelle coppie che desiderano conoscersi meglio o che hanno bisogno di ritrovare un dialogo sincero e un contatto con la propria interiorità, ma anche per famiglie con bambini che possono finalmente respirare un po’ di aria sana e pulita e, perché no, per persone sole che hanno bisogno di dare un significato diverso ai loro momenti di tempo libero.

Non passerà molto tempo prima che gli altri invitati possano attaccare bottone e, con ogni probabilità, al termine della serata sarà nata qualche nuova amicizia basata su passioni comuni semplici e genuine.

Ma come si svolge questa affascinante esperienza gastronomica?

Prenotando una cena in vigna si opta per un’esperienza che prevede una piacevole degustazione di vini e cibi del posto, generalmente realizzati dalle mani sapienti dei proprietari o comunque totalmente a km 0.

Alcuni percorsi iniziano con qualche accenno storico, visitando la tenuta e apprendendo l’uso e l’antichità di alcuni macchinari che ancora oggi vengono impiegati per la produzione agricola.

Per i neofiti è molto interessante osservare da vicino come realmente un acino d’uva può trasformarsi in una bevanda corposa e apprezzata in tutto il mondo, dando valore a una natura troppo spesso maltrattata e bistrattata dall’uomo.

Lo scopo è quello di sentirsi nuovamente parte dell’ambiente circostante, che non funge solo da semplice sfondo da sfruttare, ma è un vero e proprio attore protagonista nella vita di tutti noi.

Successivamente tutto ciò che è stato spiegato si traduce in ottimi piatti della tradizione, serviti su tavolate ampie che possano favorire il dialogo e la conoscenza anche tra persone diverse e normalmente distanti.

I menù variano in relazione alla stagione, sempre secondo la filosofia di rispetto e adattamento ai cicli della natura.

Quando vedrete i vostri bambini correre liberi e felici nel prato, capirete di aver fatto la scelta giusta e di aver ritrovato un po’ della vostra essenza attraverso una situazione semplice ma di forte impatto emotivo.

È infatti il vostro cuore ad essere seduto su quella sedia, non è il vostro cervello a parlare o le vostre competenze lavorative a spiccare.

Siete esattamente voi!

Il risveglio dei sensi

La cena in vigna è un’esperienza sensoriale totalizzante, che parte lentamente e piano piano si manifesta in un crescendo di emozioni che producono una sorta di dolce estasi finale.

Per questo, prima di arrivare sul posto, siate consapevoli di dover attivare tutte le vostre percezioni che solitamente mettete da parte, rendendovi ricettivi a quanto di buono potrete ottenere da qualche ora di svago all’aria aperta.

Il Gusto

Veniamo al senso principe di tutta l’esperienza, in quanto una cena che si rispetti prevede la degustazione di pietanze originali e piacevoli al palato. Il consiglio è quello di non avere alcuna fretta, ma lasciare che ogni sapori penetri all’interno del vostro corpo, lasciando sensazioni positive non solo alle papille gustative. Non limitatevi solo a mangiare, come accade velocemente ogni giorno durate la pausa pranzo o le cene frettolose, ma vivete un crescendo di emozioni che possano portarvi con calma all’estasi finale.

Dall’antipasto al dolce, le aziende agricole propongono sempre un menù completo per la loro cena, soddisfacendo anche i clienti più esigenti e difficili.

I gusti dei commensali saranno, quindi, appagati da proposte variegate e differenti, cambiate di volta in volta in relazione ai prodotti stagionali offerti dalla terra.

I principali chef della regione saranno in grado di trattare con estrema cura le materie prime di ottima qualità, rivisitando classici della tradizione in chiave moderna e chic, per deliziare non solo il palato ma anche tutti gli altri sensi secondari.

La cucina è presente direttamente sul posto e viene allestita con la massima cura per garantire un’esperienza che potremmo definire estatica.

La Vista

Per tutti il primo impatto è quello restituito dalle immagini che si trovano davanti.

La compresenza della luce naturale delle stelle e di quella artificiale calda e romantica dei fili di lumini crea subito una sensazione di benessere interiore, in grado di permanere nel corso di tutta la situazione. Successivamente sarà possibile ammirare l’allestimento bohochic del tavolo, i colori tenui, le tovaglie di cotone bianco del corredo della nonna.

Un tripudio di colori vi colpirà al momento del servizio dei piatti, basati sulle verdure variopinte di stagione e su cromie decide e gioiose. Quando si dice mangiare con gli occhi ci si riferisce esattamente a un momento di questo genere.

L'Olfatto

L’odore dell’erba appena tagliata è per alcuni collegato a piacevoli ricordi dell’infanzia, magari vissuti in campagna dai nonni o dai partenti più amati. Tornare per un momento a quelle situazioni è come un balsamo benefico per l’anima, in quanto consente di tirare fuori tutta una vasta gamma di emozioni prima involontariamente celate.

Lo stesso potere evocativo lo possiede certamente il cibo, fonte di memoria e stimolo dei sensi più superficiali e profondi.

Interessante è l’assaggio di pietanze mai provate prima, così come di vini pregiati e non commerciali, capaci di generare nuovi e meravigliosi ricordi.

L'Udito

Le vostre orecchie saranno sollecitate da prima dai rumori leggeri e evocativi del territorio circostante, che vi permetteranno di sentirvi parte della natura e del suo perpetuo movimento.

Con il giusto silenzio è possibile percepire il fruscio delle foglie, i versi degli uccelli, lo scricchiolio dell’erba calpestata, che per un qualche ora cancelleranno il fastidioso suono dei clacson e il vociare nervoso delle persone al cellulare.

Con l’arrivo degli altri ospiti, l’atmosfera si arricchirà di un piacevole chiacchiericcio, sempre mantenuto su toni bassi e rilassati per delineare un clima intimo e familiare. Le risate dei presenti coinvolgeranno anche i più timidi in divertenti conversazioni, scoprendo affinità di carattere con persone insospettabili.

Alcune aziende amano deliziare i partecipanti con gradevoli musiche di sottofondo, che possano riprendere il leitmotiv della serata con note jazz sapientemente suonate.

Il Tatto

Anche se si è ormai adulti, istintivamente quando ci si trova di fronte ad una pianta o un albero se ne tocca la superficie. È come un richiamo ancestrale che unisce uomo e natura, riportandolo a quelle che sono le sue origini agresti.

Saggiare con le dita le foglie, ma anche i tessuti leggeri utilizzati, fornisce un ulteriore stimolo sensoriale, rendendo tangibile una situazione estatica e interiore.

Molti degli antipasti, inoltre, sono serviti a buffet e prevedono deliziose monoporzioni di finger food, progettate per appagare il palato ma anche la vista. In questo caso è possibile soppesare il cibo con le mani, assaporandone la consistenza prima del sapore.

Dove vivere una cena in vigna in Italia

    Lascia la tua email per leggere l'intero articolo

    Querceto La Castellina

    Loc. Querceto, 9 - Castellina in Chianti (SI)

    Un’esperienza sensoriale unica all’insegna del vino toscano e del buon cibo in Chianti che prevede una degustazione sulla terrazza, che si affaccia sui vigneti di Querceto, di un bicchiere di vino ed a seguire una cena di 4 portate, accompagnata da una selezione di 3 ottimi vini rossi.

    Un vero e proprio viaggio sensoriale e culinario!

    Vigna Roda

    Via Monte Versa, 1569, Vo (PD)

    Se desiderate vivere una serata all’insegna della spensieratezza e del buon umore questa è la location che fa al vostro caso. 

    Si inizia con un aperitivo al tramonto immersi nel verde e si prosegue con una dettagliata visita alla cantina, dove poter osservare la genesi di alcuni dei migliori vini del panorama italiano.

    A seguire, si giunge all’immensa tavolata, dove vengono serviti piatti della tradizione locale eseguiti a regola d’arte, come piccoli sformati di verdure coltivate a fianco, risotti di stagione e carni dal sapore deciso e persistente.

    Azienda agricola Cellagrande

    Via Cascine di Ponente, 21 – Viverone (Biella)

    La tenuta vanta ben 900 anni di storia, che è possibile respirare attraverso ogni mattone o elemento decorativo che la contraddistingue.

    Lo spirito della tradizione non viene affatto tradito anche dal menù, capace di proporre una cucina locale rivisitata in modo originale e raffinato, per fornire al cliente un’esperienza unica nel suo genere.

    Podere Riosto

    Via di Riosto, 12, Pianoro (BO)

    Talvolta è necessario sfuggire dal caos della vita quotidiana e rifugiarsi in una tenuta come quella in questione, curata nei minimi dettagli, ma assolutamente non formale.

    Le file di piccole luci faranno da cornici a una cena in vigna perfettamente realizzata per suscitare intense emozioni negli ospiti, tentati da pietanze gustose e condite come la cucina locale impone.

    La Cantina Terracruda

    Via delle Serre, 28, Fratte Rosa (PU)

    Anche in questo caso l’aspetto rurale è impreziosito da un allestimento chic ed elegante, in grado di appagare gli occhi dei fortunati ospiti.

    Trovandosi in una cantina, l’aspetto privilegiato è certamente quello del vino, servendo bollicine rosate durante l’aperitivo e proseguendo con una degustazione variegata e di ottimo livello.

    Lo scopo è quello di creare un giusto bilanciamento tra prodotti della vite e della terra, il tutto condito con un clima familiare e conviviale in grado di mantenere sempre raffinatezza e buon gusto.

    Tenuta Torciano

    Via Crocetta, 18, Ulignano (SI)

    Nella splendida cornice della campagna toscana, sarete accolti in uno spazio bucolico di rara bellezza, dove potrete assaporare sapori decisi e originali accompagnati da uno dei vini DOP che contraddistingono tutto il territorio.

    Masseria Montenapoleone

    C.da Bicocca (via delle Croci) n.8, Pezze di Greco di FASANO (BR)

    Vivere un’esperienza all’interno di una masseria storica è uno di quei momenti della vita che rimane impresso per sempre.

    Se a questo si aggiunge la possibilità di cenare in una vigna, allora il tripudio dei sensi è pienamente assicurato.

    Non perdetevi il finale con il classico pasticciotto leccese, le vostre papille gustative andranno in visibilio.

     

    Cantina Cottanera

    Strada Provinciale, 89 - Contrada Iannazzo, Castiglione di Sicilia (CT)

    Sita alle pendici dell’Etna, questa storica cantina ha deciso di deliziare i propri ospiti con una cena sotto i filari ricchi di uva, proponendo le verdure del proprio orto in piatti colorati ed estremamente gustosi.

    Ottima ovviamente l’offerta del vino, vanto della zona nel mondo.

     

    Dicci la tua!

    E tu hai mai cenato o pranzato in un vigneto?  Come ti sei trovato? 

    Conosci altri indirizzi ?

    Raccontaci la tua esperienza commentando qui sotto e condividendo i tuoi scatti con l’hashtag #Foodurist!

    Vuoi qualche consiglio su altre cene esperienziali in Italia? Dai un occhio qui!

    Ti piacciono anche le cene a tema? Qui trovi la nostra categoria dedicata!

    Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo cliccando sul pulsante qui sotto

    Condividi su facebook
    Facebook